Tu sei qui

L'incidente lo vogliono loro

Con la necessaria resistenza di sabato e al fianco di Teo!

Il comunicato del Nodo Sociale Antifascista di Bologna sui fatti di sabato 18 ottobre, apparso su staffetta.

Noi abbiamo visto le pozze di sangue sul selciato dopo la prima, violentissima carica della polizia sabato scorso.
Noi abbiamo letto le cronache locali che, per mesi e mesi, hanno invocato «guerra» e «tolleranza zero» contro forme di lotta pacifiche e ragionevoli, incoraggiando la polizia a esercitare prevaricazioni e violenze.
Noi sappiamo che gran parte delle forze dell’ordine sono da anni vicine alla destra e all’estrema destra. Ieri erano i poliziotti assassini della Uno Bianca, erano i torturatori della Scuola Diaz e di Bolzaneto che ci facevano cantare «Faccetta nera», sono quelli che hanno ucciso di botte Federico Aldrovandi, Riccardo Rasman, Aldo Bianzino, Giuseppe Turrisi, Stefano Brunetti, Niki Aprile Gatti, Manuel Eliantonio, Giuseppe Uva, Stefano Frapporti, Francesco Mastrogiovanni, Simone La Penna, Bledar Vukaj, Stefano Cucchi e tanti altri…
Chi oggi a Bologna sta innalzando il livello dello scontro è la Questura e il sindaco Virginio Merola. Lo fanno perché ciò rende loro più facile gestire le emergenze sociali come questioni di ordine pubblico. Ed è anche un modo semplice ed efficace per isolare la protesta dal disagio diffuso.
Secondo questa logica cinica e violenta, la Questura ha autorizzato un corteo di Forza Nuova in centro città con neonazisti provenienti da tutto il Nord Italia. Quando il Questore accusa i movimenti sociali di «cercare l’incidente», non fa che imputare ad altri la sua misera strategia di normalizzazione.
Se il corteo non si fosse autodifeso in Piazza Cavour, avremmo subìto un’altra carica violenta e avremmo avuto soltanto altre teste rotte, senza che ciò facesse nemmeno notizia sulla stampa borghese.
Teo è un compagno che tutt* noi conosciamo e a cui va tutta la nostra solidarietà per il processo sommario che ha dovuto subire. Una solidarietà che si è espressa fin da subito sotto la Questura, domenica sotto il carcere della Dozza, e oggi davanti al Tribunale che, condannandolo, ha voluto dare un «esempio» solo per coprire la pessima gestione della piazza da parte della polizia e della Questura.
Di fronte alla violenza delle istituzioni, ci appare ridicola la figura di Virginio Merola che vorrebbe impartire lezioni su che cosa sia l’antifascismo senza aver mai detto nulla in passato sull’attivismo neofascista di CasaPound o sulle ricorrenti manifestazioni di neonazisti calati da Lombardia e Veneto per «riprendersi Bologna».

A Teo, agli e alle antifascist* ferit* la nostra vicinanza e solidarietà!

Non un passo indietro!

Nodo sociale antifascista

Foto di Flavia Sistilli via zic.it